FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020

Obiettivo Specifico “2. Integrazione / Migrazione legale” – Obiettivo Nazionale “ON 3 – Capacity building – lett m) – Scambio di buone pratiche – inclusione sociale ed economica SM”

Nome:

Kossi

Cognome:

Komla-Ebri

Un giorno, in classe, durante un incontro sull'interculturalismo, chiesi ai ragazzi di darmi una definizione del termine 'razzismo'. / Subito, il più sveglio esclamò: / 'Il razzista è il bianco che non ama il nero!' / 'Bene!' dissi. 'E il nero che non ama il bianco?' / Mi guardarono tutti stupiti ed increduli con l'espressione tipo: 'Come può un nero permettersi di non amare un bianco?'

Kossi A. Komla-Ebri è nato in Togo nel 1954. È in Italia dal 1974, dove, a Bologna, si è laureato nel 1982 in Medicina e Chirurgia per specializzarsi poi in Chirurgia Generale a Milano. Vive in provincia di Como. Come scrittore si è fatto conoscere in particolare per il suo testo Imbarazzismi, un insieme di racconti e aneddoti su quello che potrebbe essere definito l’imbarazzo della differenza. E’ quella difficoltà di relazione che in una società non avvezza ad essa porta spesso migranti e nativi ad affrontarsi, nella vita di tutti i giorni, in situazioni al confine fra l’imbarazzo e il razzismo. È cofondatore di El-Ghibli (rivista online di letteratura della migrazione), ed è presidente emerito della REDANI (Rete della Diaspora Africana Nera in Italia).

Ultime notizie sulla propria attività in relazione alla scrittura migrante:

Il suo testo Imbarazzismi è stato tradotto in Francia (“Embaracismes” – Editions Laborintus 2016) e negli Stati Uniti (“EmbarRACEments” – Bordighera Press 2019). È coautore con Aldo Lo Curto di Afrique. La santé en images (Rotary Club Lugano-Lago), manuale distribuito gratuitamente in diversi villaggi africani per divulgare un’educazione sanitaria fra le popolazioni locali.

Città di residenza:

Milano

Cittadinanza/e:

Italiana

Nazionalità di origine:

Togolese

Lingua di scolarizzazione:

Francese

Primo/a migrante

Altri paesi di migrazione:

Francia

Attività prevalente nel campo della scrittura:

Attività letteraria

Genere/i praticato/i:

Narrativa

Bibliografia:

All’incrocio dei sentieri, Edizioni Dell’Arco, Milano, 2009; Pian piano maturano le banane, in “In Verbis”, n. 1/2013, Carocci, Roma, 2013; Domani, in “El Ghibli. Rivista online Letteratura della Migrazione, anno 7, n. 31, marzo 2011; Vita e sogni. Racconti in concerto, Edizioni Dell’Arco, Milano, 2007; Del rap hip hop (l’ottavo peccato), in “El Ghibli. Rivista online di letteratura della migrazione”, anno 3, n. 13, settembre 2006; Intervista a Tanella Boni, in “El Ghibli. Rivista online di letteratura della migrazione”, anno 3, n. 13, settembre 2006; La sposa degli dei. Nell’Africa degli antichi riti, Dell’Arco-Marna, Milano, 2005; Germogli recisi, in AA.VV., “Italiani per vocazione”, a cura di Igiaba Scego, Cadmo, Firenze, 2005, pp.121-135; Due lezioni, in “El Ghibli. Rivista online di letteratura della migrazione”, anno 1, n. 6, dicembre 2004; All’incrocio dei sentieri. I racconti dell’incontro, EMI, Bologna, 2003; Imbarazzismi. Quotidiani imbarazzi in bianco e nero, Edizioni dell’Arco-Marna, Milano, 2002; Neyla, Marna-Edizioni dell’Arco, Milano, 2002; Due scatole di fiammiferi, in AA.VV., “Anime in viaggio”, Edizioni Adnkronos Libri, Roma, 2001; La Manif, in “Sagarana. Rivista Letteraria Trimestrale”, n. 2/gennaio 2001; Albanese? Non è un passaporto vero, è falso questo, in AA.VV., “La lingua strappata. Testimonianze e letteratura migranti”, a cura di Alberto Ibba e Raffaele Taddeo, Leoncavallo Libri, Milano, 1999; Vado a casa, in AA.VV., “Parole oltre i confini”, Fara Editore, Rimini, 1999; Caro fratello mio, in “Caffè. Trimestrale di letteratura multiculturale” n.9, 1999; Mal di…/ Sognando una favola, in AA.VV., “Destini sospesi di volti in cammino”, Fara Editore, Rimini, 1998; Quando attraverserò il fiume…, in AA.VV., “Memorie in valigia”, Fara Editore, Rimini, 1997.

Attività giornalistica

Agenzie/Testate/Media/Blog per cui lavora:

Sito personale: www.kossi-komlaebri.net

Premi

Nel 1997 vince il primo premio della sezione narrativa al concorso Eks&tra con il racconto “Quando attraverserò il fiume”. Nel 2005 vince il Premio Mare Nostrum, nella sezione Letteratura. È vincitore del premio Graphein della Società di Pedagogia e Didattica della Scrittura nel 2009. Il suo romanzo Neyla è vincitore del premio letterario Prato CittAperta 2019.

Condividi:

Follow by Email
Facebook
Twitter

 

Vuoi segnalarci novità, uscite editoriali, concorsi o iniziative dal mondo delle scritture migranti?

Scrivici a info@words4link.it